Perchè non mangiare hamburger al sangue

Da quando faccio bbq, la domanda

ma tu come lo servi l’hamburger?

mi viene fatta con una certa regolarità.

Il motivo è presto detto : gran parte delle persone che mangiano un hamburger cotto da me o magari guardano le foto dei miei post, notano che io l’hamburger lo servo COTTO.

Non c’è traccia di rosso nella carne. Io non servo hamburger così.

So già che molti dei lettori saranno ora tentati di abbandonare la lettura di questo post perchè, fondamentalmente stanno pensando

“se non sai servire un hamburger dovresti smettere di avere un blog”

Ma vi prego di fare uno sforzo e continuare a leggere.

Tempo fa, quando iniziai a scrivere su SempreAcceso, postai la ricetta di un mio panino, il Burger D’Oro, su qualche gruppo di appassionati di bbq. Li spiegavo che, secondo me, l’hamburger va cotto.

Apriti cielo!

Offese senza fine, inviti a studiare prima di scrivere, inviti a smettere di scrivere…

UPDATE #1:  “i blog sono il cancro del nuovo millennio” (giusto dopo la pubblicazione di questo post)

UPDATE #2:  “articoli scritti da gente di dubbia affidabilità”

Non pretendo che gli altri facciano ciò che ritengo corretto (e sano) ma se io l’hamburger lo servo ben cotto ho delle motivazioni scientifiche supportate (ahimè) da vicende storiche.

Ma partiamo dalla materia prima : cos’è un hamburger?

Un apostrofo rosa tra…

No, torniamo seri. Un hamburger è semplicemente, carne tritata e schiacciata per compattarla.

Almeno su questa definizione dovremmo essere tutti d’accordo.

Potremmo finire l’articolo qui ma è esattamente nella sua definizione che l’hamburger nasconde il problema.

Introduciamo ora questi simpatici amici

“Ciao mi chiamo Escherichia coli! Sono un simpatico batterio, potenzialmente mortale ed è possibile trovarmi sulla superfice della carne.
Sono invisibile e quindi posso arrivare a voi senza che mi vediate. Il mio unico punto debole è la cottura”

“Ciao, io invece mi chiamo Salmonella, sono molto amico di quello li su e abbiamo gli stessi gusti”

Questi batteri potrebbero essere stati su una bistecca che avete mangiato, ma in questo caso sarebbero stati uccisi dalla cottura (anche al sangue) della bistecca.
Si perchè, come scritto, sta SULLA bistecca e non NELLA bistecca.

Ed ecco quindi dove il rischio si alza. Se la bistecca cruda, con in superfice il simpatico batterio, la trito e ne faccio un hamburger, quante possibilità ho che quella che era la superfice della bistecca sia divenuta INTERAMENTE l’esterno dell’hamburger?

Risposta : ZERO! (cacchio ci sarà un grammo di carne esterna che è finita dentro, giusto?)

Quindi il batterio adesso sarà all’interno dell’hamburger. E cosa accade se lascio crudo l’hamburger al centro?
Rispostail batterio resta li, attivo.

Ho perso oramai il conto delle volte in cui ho mostrato questo scenario per dimostrare che esiste la possibilità di contaminazione da escherichia coli in hamburger al sangue.

In questo periodo, nel napoletano, sta letteralmente esplodendo la moda dell’hamburger gourmet.
Un panino creato con ingredieti di qualità (tutto dop/doc/docg, tutto certificato etc etc) e l’hamburger sempre al sangue. Perchè se lo mangi cotto, tu di carne non ne capisci.

Vorrei di seguito indicare  le tipiche motivazioni che vengono addotte per confutare il mio ragionamento e per ognuna proverò a darvi dati, non opinioni, che invece rafforzano la mia tesi.

  • So da dove viene la carne, seguo la catena del freddo: quindi è impossibile!
    Premesso che è giusto fidarsi dei propri fornitori e allo stesso tempo controllarne gli standard qualitativi, diciamo che di scientifico in questa risposta non c’è nulla.
    Se la risposta fosse stata : faccio test di contaminazione ogni 15 giorni
    allora la probabilità di evitare contaminazione sarebbe sicuramente salita.
    Anche io mi fido del mio macellaio, altrimenti non sarebbe il mio macellaio.
    Ma il mio macellaio è un essere umano che vive sul pianeta terra. Ed un essere umano può commettere errori e contaminare la carne con un batterio che vive sul pianeta terra.
  • Si vede che, anche essendo appassionato di una metodologia di cottura tipicamente americana, tu di come si serve l’hamburger in USA non sai un cazzo.
    Qui vi devo dire che io in USA a mangiare carne ci sono stato più volte. Anzi ho una bella allergia ai molluschi e invertebrati, quindi in USA ho mangiato SOLO carne.
    Forse quello che non sapete è che proprio in America c’è stato
    far and away the most infamous food poison outbreak in contemporary history.
    traduco?
    di gran lunga il più infame/ignobile avvelenamento da cibo della storia contemporanea4  bambini morti, 178 con danni permanenti.
    Perchè? Escherichia coli da hamburger al sangue serviti in una nota catena di ristoranti americana, Jake in The Box, in 4 stati (California, Idaho, Washington,Nevada).

    Volete i dati? Ecco il link: https://en.wikipedia.org/wiki/1993_Jack_in_the_Box_E._coli_outbreak
    Talmente grave che nello stato di Washington E’ LEGGE il livello di cottura necessario per un hamburger.
    La Food and Drug Administration(FDA) richiede una cottura dell’hamburger a 68°C. La FDA, mica io!
    Solo qualche tempo fa hanno introdotto, spinti dalla stessa moda degli hamburger gourmet, una variazione a tale legge con l’obbligo, a chi serve hamburger al sangue, di informare i propri clienti che stanno correndo un rischio.
    Si esatto, come con le sigarette. Mica ti viene sicuro l’enfisema? Pero’ sappi che è possibile.
    Cioè ti siedi, ordini il tuo hamburger al sangue e il cameriere ti dice:

    ” certo signore, la informo solo che grazie a questo suo ordine potrebbe poi morire nel giro di qualche giorno”

    Rassicurante, no?
    Interessante che ad agosto scorso la Food Standard Agency britannica abbia pubblicato questo video per spiegare che un hamburger non è una bistecca.
    La definizione hamburger gourmet=crudo , sta chiaramente divenendo epidemia.

 

  • Faccio i test (n.b. nessuno ha mai risposto in questo modo, ma supponiamo accada)
    Bene, se anche facessi i test ( diciamo ogni mese?)
    Il tuo locale serve hamburger. Li preparano persone che possono andare in bagno giusto? (la schiavitù è reato in Italia)
    E lo sai che se non lavassero e disinfettassero bene le mani il simpatco batterio potrebbe finire negli hamburger che maneggiano?
    Se questo batterio esce fuori proprio nei giorni fra un test e l’altro?
    Fai bene a fidarti del tuo personale ma non puoi mettere la vita dei tuoi clienti  nelle mani del destino. Se hai gli strumenti per eliminare la possibilità di contaminare, allora fallo!
  • La avviso che se le facciamo un hamburger cotto diverrà più piccolo del panino, perchè la nostra è carne chianina (giuro, mi hanno riposto così, più volte)
    Qua invece abbiamo un problema tecnico. Io non voglio morire o rischiare di morire e tu non sai bilanciare carne e grasso in un hamburger (oltre a non saperlo cuocere) in modo tale da non farlo divenire un oreo.
    La contrazione della carne ci sta, è fisologica. Ma un hamburger che dimezza il suo diametro in cottura forse non era stato preparato proprio benissimo.

Non ho altro da aggiungere. So che chi ama sentire la carne cruda sotto i denti cotinuerà a mangiarlo al sangue.
Mi premeva solo mettervi in guardia su un problema reale, non una mia opinione, che è stato preso seriamente in considerazione in USA e UK.

Non ho visto azioni simili in Italia e non vi nascondo che la cosa mi preoccupa molto. Se le hamburgerie continueranno a comparire con lo stesso trend di crescita che vedo in questi mesi, continuando a servire hambrurger al sangue, matematicamente, la probabilità che contaminazioni da escherichia coli o salmonella possano presentarsi, crescerà. Non è sfortuna, è matematica.

A tutti coloro che si fanno un hamburger a casa, mi sento di ribadire altre 100 volte: serviteli cotti, non rischiate con la vita dei vostri cari.

Comments

comments

Rispondi